Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La brutalità dell'Isis arriva anche in Turchia. Due attivisti siriani sono stati trovati morti, con la gola tagliata, nelle proprie abitazioni a Sanliurfa, nel sudest turco, a confine con la Siria. Lo riferisce la Cnn.

Ibrahim Abd al-Qader e Fares Hamadi lavoravano per l'agenzia multimediale 'Eye on homeland' che produce notizie su varie piattaforme in Siria, tra cui le roccaforti dell'Isis. Qader era uno dei fondatori dell'agenzia, in prima linea nel documentare le atrocità compiute dall'Isis a Raqqa.

I membri del gruppo sono regolarmente minacciati dallo stato islamico, ha detto il fratello di Qader, Ahmed, il quale ha raccontato di essere stato minacciato anche lui. La missione del gruppo è quella di raccontare le atrocità commesse dall'Isis a Raqqa, ma la copertura si era allargata ad altre città siriane. Gli attivisti, che lavorano anche a contatto con i giornalisti stranieri, sono stati in grado di mostrare il controllo dei jihadisti sulla popolazione civile a Raqqa con tanto di foto e video contrabbandati dal Paese. Un potente contrappeso - fa notare la Cnn - alla macchina della propaganda Isis, che usa regolarmente i social media per diffondere i propri video.

In un comunicato, la commissione a protezione dei giornalisti ha esortato le autorità turche ad indagare a fondo sull'omicidio dei due attivisti. La polizia turca ha sequestrato un video della videocamera a circuito chiuso nella zona dove i due sono stati trovati sgozzati e sta esaminando impronte raccolte nelle abitazioni. Almeno 24 persone sono state portate in questura per essere interrogate, mentre un'altra è latitante, ha riferito una fonte a conoscenza delle indagini alla Cnn.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS