Un giudice turco ha condannato una donna vittima di violenze da parte del marito perché l'uomo picchiandola si è fatto male alla mano, riferisce la stampa di Ankara.

La donna era stata soccorsa dalla polizia allertata dai vicini. Era stata collocata in un rifugio di Ankara con i figli. Ma l'uomo continuava a picchiarla, approfittando delle visite ai figli. È stato denunciato dalla polizia, ma ha sporto denuncia a sua volta contro la moglie, sostenendo che anche lei gli aveva provocato lesioni, mostrando la mano gonfia.

Così, riferisce Milliyet, la 13esima Corte penale di Ankara ha deciso di condannare i due coniugi alla stessa pena, una multa di 3000 lire turche, poco più di mille franchi, senza approfondire la vicenda.

Secondo il giornale, dopo la sentenza, il marito ha continuato a picchiare regolarmente la moglie in totale impunità. La stampa di opposizione ha più volte denunciato la estrema tolleranza di molti magistrati turchi nei confronti di mariti e compagni responsabili di violenze contro le donne.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.