Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'operatore statale unico di comunicazione satellitare in Turchia, Turksat, ha trasmesso ai suoi network l'avviso di interrompere entro un mese le trasmissioni di 7 canali televisivi ostili all'Akp di Erdogan, pena l'interruzione dei loro contratti.

Lo riferiscono media locali a due settimane dal voto anticipato in Turchia.

La decisione, che sta provocando forti polemiche politiche a due settimane dalle cruciali elezioni anticipate del primo novembre, giunge a 10 giorni dal blocco già imposto agli stessi canali da una delle principali piattaforme televisive satellitari locali, Digiturk.

Si tratta di 7 canali televisivi considerati legati alla confraternita Hizmet del magnate e imam Fethullah Gulen, ex sodale ora diventato nemico numero uno di Erdogan.

Ad essere stati oscurati sono i canali tv Bugun, Kanalturk, S.Haber, Samanyolu, Mehtap, Irmak e quello di intrattenimento per bambini Yumurcak.

La rimozione era stata ordinata dall'ufficio del procuratore di Ankara in base al sospetto che sostenessero un'organizzazione terroristica, quale è considerata dal governo di Ankara la rete di Gulen. Prima che su Digiturk, i canali erano già stati oscurati su altre 4 piattaforme di trasmissione: Turkcell Tv, Tivibu, Teledunya e Kablo Tv.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS