Navigation

Turchia: traghetto sequestrato a Izmit

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2011 - 20:19
(Keystone-ATS)

Un traghetto turco con a bordo 20 passeggeri è stato sequestrato nel golfo di Izmit, a est di Istanbul. Nel confermare che il traghetto è stato sequestrato, un governatore provinciale ha riferito che il comandante dell'imbarcazione è stato preso in ostaggio da una sola persona anche se non viene escluso che a bordo vi siano altri sequestratori.

"Non è ancora chiaro se la nave sia stata sequestrata da un singolo individuo. C'è una persona che ha preso in ostaggio il capitano della nave", ha detto all'agenzia turca Anadolu il governatore della provincia nord-occidentale turca di Kocaeli, Ercan Topaca, riferendosi al traghetto diretto alla città di Golcuk e partito da Kocaeli (Izmit). "Forze di sicurezza - ha aggiunto il governatore - hanno iniziato a lavorare per salvare l'imbarcazione. Sul traghetto ci sono 20 passeggeri, inclusi i membri dell'equipaggio".

La presenza di "esplosivi" e "uomini armati" a bordo è stata confermata dal capitano del traghetto, riferisce l'agenzia Dha citando una chiamata dell'ufficiale a una tv.

Il ferry viene seguito a distanza da tre imbarcazioni della Guardia costiera e un elicottero è stato messo in allerta, riferisce il sito del quotidiano Zaman aggiungendo che alle unità è stato ordinato per ora di seguire la vicenda a distanza. Il ministro dei Trasporti turco, Binali Yildirim, ha annullato una visita nella provincia orientale di Erzurum ed è tornato in volo ad Ankara per seguire il sequestro, aggiunge il sito, riferendo che non vi sono informazioni sui moventi dei sequestratori.

In Turchia il terrorismo è legato soprattutto all'indipendentismo curdo, ma sono attivi anche estremisti islamici ed estremisti di sinistra. Izmit sorge in fondo all'omonimo stretto golfo sul mar di Marmara e si trova circa 100 km a est di Istanbul, la maggiore città turca. È il capoluogo della provincia di Kocaeli e conta circa 210.000 abitanti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?