Navigation

Turismo, 2020 difficile per città, andrà meglio per cantoni alpini

Quest'anno a Berna mancheranno i cinesi. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

L'anno turistico rischia di essere difficile per le grandi città, che soffriranno per l'assenza di ospiti stranieri, mentre per i cantoni di montagna quali Ticino, Grigioni e Vallese le prospettive sono migliori, grazie al sostegno della clientela svizzera.

È l'indicazione principale che emerge da uno studio pubblicato oggi da Credit Suisse, che vede però bassi tassi di occupazione degli alberghi nei periodi che non sono di vacanza nella Confederazione.

Il 2020 sarà arduo in particolar modo negli agglomerati di Ginevra, Basilea e Berna. Zurigo potrebbe invece rappresentare un'eccezione in questo campo, perché vi pernottano anche numerosi svizzeri, sia per la vicinanza dell'aeroporto che per varie attività d'affari e culturali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.