Navigation

Tutti i dipendenti vanno in Svizzera, ristoratore deve chiudere

Non c'è abbastanza personale. (Google) sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 16:30
(Keystone-ATS)

Un ristorante francese non lontano dal confine elvetico si vede costretto a chiudere non per mancanza di clienti, ma di personale: impossibile reclutare nuovi dipendenti, perché quelli che possono varcano la frontiera per lavorare nella Confederazione.

"Siamo a dieci minuti di auto dalla Svizzera", spiega in dichiarazioni riportate dal quotidiano francese Le Parisien e riprese in Romandia dal portale Le Matin Jacques Barnachon, azionista di maggioranza di Jacques Alexandre, ritrovo che è stato chiuso venerdì per essere posto in liquidazione giudiziaria. Il locale si trova a Morteau, al confine con il canton Neuchâtel.

In Svizzera "un impiegato può moltiplicare il suo salario per tre: è normale superare la frontiera in queste condizioni", prosegue Barnachon. "Per me è impossibile fare concorrenza agli svizzeri, loro hanno molti meno oneri". "All'inizio lavoravano nel locale dodici persone, alla fine erano solo cinque e lo chef ha rassegnato le dimissioni. È dura da vivere, questo ristorante era come un figlio".

All’Est Républicain, altra testata che si è occupata della vicenda, Barnachon ha fatto un esempio preciso. "Pago un lavapiatti 1380 euro per 35 ore. Fa dieci minuti di strada e in Svizzera raddoppia il salario. Come rimanere competitivi?"

L'uomo ritiene di trovarsi in una situazione paradossale: essere situato vicino al confine offre un vantaggio, può attirare clienti elvetici e il potere d'acquisto dei frontalieri è superiore alla media nazionale francese. Ma è impossibile servire i clienti senza manodopera.

Chef stellato, Barnachon ha anche un secondo ristorante, a Bonnétage, non lontano da Morteau, che non ha lo stesso problema perché, grazie alla stella Michelin, rimane attraente per i giovani desiderosi di muoversi nella grande gastronomia. Secondo l'imprenditore in generale la soluzione alle difficoltà sarebbe creare una zona franca lungo la frontiera elvetica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.