Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fortune alterne per due esponenti dello sport estremo che intendono percorrere tutto il Reno a nuoto. Il grigionese Ernst Bromeis, che ha fatto le prime bracciate lo scorso 7 luglio, è costretto a una pausa forzata a causa dell'acqua alta a Iffezheim (D). Il tedesco Andreas Fath si è invece lanciato oggi e prevede di giungere alla foce nel mare del Nord, nei Paesi Bassi, entro fine agosto.

Fath, 49enne professore di chimica all'università di Furtwangen (Baden-Württemberg), si è gettato nelle acque del Lai da Tuma (GR), il laghetto nella regione del passo dell'Oberalp (GR/UR) considerato la sorgente del Reno. "È stato molto freddo, ma è un'ottima cosa", ha detto dopo la prima giornata.

Dovrà percorrere complessivamente 1231 chilometri. L'impresa ha uno scopo scientifico: con l'aiuto di un comitato di 20 persone e di numerose imprese intende raccogliere 100'000 euro (121'000 franchi) per dotare il suo laboratorio di ricerca di un apparecchio di analisi.

Dopo aver percorso 505 chilometri, Bromeis è invece costretto a terra dall'acqua alta: le autorità di Iffezheim (Baden-Württemberg), dove si trova l'ultima chiusa nel suo viaggio verso nord, hanno infatti decretato il divieto di balneazione, ha riferito oggi il grigionese. Non è ancora possibile sapere fino a quando lo sportivo dovrà rimanere con le braccia conserte.

Il 46enne era partito a inizio mese dal Lago di Dentro, nell'alta Val Cadlimo (TI), una decina di chilometri a ovest dal passo del Lucomagno (TI/GR). Il laghetto, sorgente del Reno di Medel, è il punto più lontano rispetto alla foce, da cui dista 1247 chilometri. Bromeis, che vuole sensibilizzare la popolazione all'uso sostenibile dell'acqua e promuoverne il libero accesso, aveva già tentato l'impresa nel 2012, ma fu costretto a rinunciare dopo 70 km per problemi di salute dovuti alle basse temperature.

Durante la sua "Expedition 2014" è accompagnato da un canoista, un addetto alla logistica, un battello sul Reno e una cineasta che realizzerà un documentario sull'avventura. Con il motto "Il miracolo blu", dal 2008 il grigionese organizza azioni per rendere attenta l'opinione pubblica sulle risorse idriche.

Finora, stando a informazioni concordanti di vari media, un solo uomo ha percorso il Reno a nuoto: lo sportivo tedesco Klaus Pechstein nel 1969. Questi aveva però iniziato l'impresa più a valle dei suoi discepoli, compiendo le prime bracciate a Ilanz, nella Bassa Surselva (GR).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS