Navigation

Uber si estende in Svizzera, ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon

Uber amplia le sue regioni di attività. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

Uber si estende in Svizzera: la multinazionale americana che offre servizi di trasporto automobilistico privato attivabili attraverso un'applicazione mobile ha deciso di sbarcare anche a Friburgo, Sion e Yverdon (VD).

La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale, spiega in un comunicato la filiale elvetica del colosso californiano. L'anno scorso 95'000 persone hanno sollecitato una corsa dal capoluogo vallesano, 55'000 da Friburgo e 28'000 dal centro vodese che si affaccia sul lago di Neuchâtel.

A Sion e a Friburgo il servizio sarà fornito al 100% da taxi, in modo da rispettare le normative vigenti, precisa Uber. "Il nostro arrivo permetterà ai tassisti di aumentare l'utilizzo dei loro veicoli, di acquisire nuovi clienti e quindi di generare maggiori ricavi", afferma Jean-Pascal Aribot, direttore di Uber Svizzera, citato nella nota. Gli utenti di Yverdon saranno da parte loro messi in contatto con un taxi o un autista Uber.

L'impresa opera in dieci città elvetiche: Baden (AG), Basilea, Berna, Ginevra, Ginevra, Losanna, Lucerna, Olten (SO), Winterthur (ZH), Zugo e Zurigo. A Ginevra la società è come noto impegnata in un braccio di ferro con le autorità cantonali: in novembre il consiglio di stato ha emanato un divieto di attività, contro cui è stato interposto ricorso. Al centro della vertenza figura lo status dei conducenti, che Uber non considera suoi dipendenti, e il pagamento dei loro contributi previdenziali.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.