Navigation

UBS: Adoboli compara il suo destino a quello di Jérôme Kerviel

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2012 - 21:51
(Keystone-ATS)

L'ex trader di UBS Kweku Adoboli, giudicato a Londra per una frode costata 2,3 miliardi di dollari alla grande banca nel 2011, ha comparato oggi la sua situazione a quella del trader della Société Générale, il Francese Jérôme Kerviel.

Il 32enne originario del Ghana, arrestato il 15 settembre 2011, ritiene che il suo comportamento sia stato influenzato dai suoi superiori dell'unità britannica dell'investment banking.

"Il mio sentimento intimo è che hanno davvero fatto pressione su di lui (Kerviel) affinché generi profitti per la Société Générale", ha affermato Kweku Adoboli. "Fintanto che ha generato profitti, erano contenti, ma quando le cose sono finite male, l'hanno mandato in prigione", ha detto.

"Ho subito esattamente la stessa sorte, non perché io sia un trader delinquente, un frodatore o un criminale, ma perché ho seguito gli obiettivi fissati dalla nostra direzione", ha spiegato.

Il caso Kerviel ha fatto capolino al processo Adoboli, quando il procuratore Sasha Wass ha menzionato un e-mail inviato da UBS a tutti i membri della sua investment banking nel 2008.

Questo messaggio elettronico metteva in guardia i dipendenti, citando l'esempio del "trader mascalzone", le cui operazioni erano costate 7,1 miliardi di dollari alla Société Générale.

Il procuratore ha dichiarato nel corso dell'udienza che la vicenda Kerviel avrebbe dovuto servire "da segnale d'allarme per ogni persona onesta" e che Kweku Adoboli non ha tenuto conto di questo avvertimento.

"Ciò che abbiamo pensato (del caso Kerviel) era che gli investimenti bancari funzionavano in questo modo e che dovevamo garantire di non perdere soldi", ha risposto Kweku Adoboli.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?