Navigation

UBS: aumenta massa salariale del 2%, critiche a sistema valutazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2010 - 15:22
(Keystone-ATS)

ZURIGO/BASILEA - Buste paghe più pesanti nel 2011 per il personale di UBS: la grande banca aumenterà del 2% la massa salariale dei dipendenti fino al rango di quadro intermedio. L'adeguamento sarà di almeno 1500 franchi all'anno per i collaboratori con gli stipendi più bassi, precisa oggi l'istituto. In una prima reazione l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) accoglie con favore la crescita delle retribuzioni, ma mette in guardia dal nuovo sistema di valutazione, giudicato pericoloso sia per UBS, sia per l'intera società.
Le nuove remunerazioni - che concernono solo la Svizzera - entreranno in vigore nel marzo 2011: i singoli aumenti saranno orientati al mercato, alle funzioni e alle prestazioni, precisa l'istituto in un comunicato odierno. Il nuovo assetto salariale è frutto anche di interventi esterni: dato che la delegazione del personale (DDP) e la direzione di UBS non sono riuscite a trovare un'intesa su tutti i punti, è stato fatto ricorso ai partner sociali esterni, come previsto dalla Convenzione relativa alle condizioni di lavoro degli impiegati di banca (CIP). Sono quindi subentrate l'ASIB, la Società svizzera degli impiegati del commercio e l'Associazione padronale delle banche.
Con il suo +2% UBS sembra, perlomeno di primo acchito, andare al di là di quanto previsto dal concorrente diretto Credit Suisse, che a metà novembre ha annunciato una crescita dei salari dell'1,5%.
Nelle scorse settimane UBS ha però dovuto anche incassare parecchie critiche in relazione al nuovo sistema di valutazione, che prevede l'attribuzione di voti a ciascun collaboratore che sono confrontati con i colleghi dello stesso reparto. I singoli giudizi - come prestazione sufficiente o migliorabile - vengono inoltre attribuiti secondo quote predefinite.
In un comunicato odierno l'ASIB deplora che il nuovo meccanismo di valutazione entri in vigore, nonostante la vivace opposizione dei partner sociali e l'inquietudine del personale. Vi è il serio rischio che avvelenerà l'atmosfera all'interno dei gruppi di lavoro, con un moltiplicarsi di casi di burn out, depressione e mobbing, viene fatto notare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?