Navigation

Ubs: trader piange in tribunale, rinviato a giudizio

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2011 - 18:34
(Keystone-ATS)

Il trader, accusato di aver provocato all'UBS un ammanco da due miliardi di dollari con transazioni non autorizzate, è apparso oggi davanti ad un tribunale della City di Londra ed è stato rinviato a giudizio per frode. Resterà in carcere almeno fino al 22 settembre.

Il 31enne, che ha pianto sul banco degli imputati, è accusato di "abuso di posizione e frode contabile" e, secondo l'atto d'accusa rivelato all'udienza, avrebbe commesso la prima frode nel 2008.

Per la sua difesa il trader ha scelto lo stesso studio di avvocatura che aveva rappresentato Nick Leeson, ex trader all'origine del fallimento delle banca Barings negli anni '90.

Leeson era stato condannato alla fine del 1995 a sei anni e mezzo di prigione per aver fatto perdere 1,5 miliardi di dollari alla prestigiosa banca britannica, poi fallita. È stato liberato dopo quattro anni e mezzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?