Navigation

UBS riorganizza gestione patrimoniale in Europa

Ubs riorganizza la gestione patrimoniale in Europa. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2020 - 15:47
(Keystone-ATS)

Il nuovo top manager di UBS, Iqbal Khan, intende lasciare la propria impronta sulla grande banca.

Nella gestione patrimoniale, diretta congiuntamente da Khan e Tom Naratil, è in corso una riorganizzazione, con misure per una maggiore efficienza che potrebbero sfociare nel taglio di 500 posti di lavoro. Il mercato elvetico non ne verrebbe però toccato.

Le tre regioni saranno l'Europa (UE), l'Europa centrale e dell'est (CEE) e il Medio Oriente e l'Africa. (MEA). UBS si attende di raddoppiare il numero di clienti in queste due ultime regioni.

L'attuale responsabile di UBS Europa, Christine Novakovic, sarà in futuro a capo dell'attività in Europa occidentale, secondo una nota interna di UBS in mano ad AWP. Caroline Kuhnert assumerà invece la direzione della regione Europa centrale e dell'est e Ali Janoudi quella del Medio Oriente e dell'Africa. Tutti e tre saranno membri del comitato esecutivo dell'unità GWM (Global Wealth Management).

In una conferenza telefonica con i media Iqbal Khan, ex top manager di Credit Suisse, ha giustificato questi cambiamenti con la volontà di accelerare il processo decisionale e di accrescere l'autonomia delle unità operative per trascorrere più tempo con i clienti.

Come già annunciato nel dicembre scorso, il settore degli affari con i clienti più ricchi gestito separatamente (Ultra High Net Worth Business) sarà sciolto e i clienti "ultra-ricchi" che non richiedono servizi di investment banking saranno suddivisi tra le varie regioni esistenti.

Secondo UBS, la riorganizzazione porterà alla riduzione di posti di lavoro. Tuttavia, come già anticipato dallo stesso Khan, verrebbero tagliati non più del 2% dei dipendenti o 500 impieghi. Il mercato svizzero non dovrebbe essere interessato dalla riorganizzazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.