Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante il rallentamento economico e la volatilità del mercato, UBS intende raddoppiare il proprio personale attivo in Cina nell'arco dei prossimi cinque anni. Lo ha dichiarato il CEO della maggiore banca elvetica, Sergio Ermotti, a Bloomberg TV di Shanghai.

Attualmente, UBS impiega in Cina 600-680 persone. Stando al Ticinese, la Cina offre tutt'ora buone opportunità di crescita, come è il caso da vent'anni a questa parte.

Le sfide attuali, che non riguardano solo questo Paese, rappresentano secondo Ermotti un'opportunità da cogliere per pianificare il futuro, in particolare per mettere in pratica un piano strategico di crescita. Tale piano sarà accompagnato da un aumento degli organici in tutti i settori della banca, dall'Investment Banking, al Wealth management, passando per l'Asset Management.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS