Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il terrorista tunisino Ali Harzi, importante reclutatore dello Stato islamico e accusato dell'omicidio dell'ambasciatore americano in Libia, Christopher Stevens, l'11 settembre 2012 a Bengasi, è stato ucciso in un recente raid aereo a Mosul, in Iraq.

La sua morte indebolisce le capacità dello Stato islamico ad integrare jihadisti originari dell'Africa del Nord sui fronti iracheni e siriano ed ha eliminato un uomo saldamente legato al terrorismo internazionale, si legge nel comunicato del Pentagono.

La notizia era stata anticipata giorni fa dal giornalista francese David Thompson, esperto di terrorismo islamico, autore di "Français jihadistes", sulla sua pagina Twitter citando fonti dello Stato islamico, che parlavano della morte in due raid distinti in Siria ed Iraq dei due terroristi tunisini Tarek e Ali Harzi.

I due fratelli erano ricercati dalle autorità tunisine per l'omicidio dei deputati Chokri Belaid e Mohamed Brahmi e dagli USA per l'attacco al consolato americano di Bengasi. Il processo per l'omicidio di Chokri Belaid, assassinato a Tunisi il 6 febbraio 2013, si aprirà davanti al tribunale di Tunisi il 30 giugno 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS