Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Combattimenti e bombardamenti continuano a martoriare il sud-est ucraino alla vigilia della tregua prevista dai nuovi accordi di Minsk. E con essi continua ad allungarsi la scia di sangue. Stando a quanto riportano le autorità ucraine e quelle dei separatisti, sono almeno una ventina le persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore nel Donbass nel fuoco incrociato: un bilancio che non appare di certo come un segnale positivo in vista del cessate il fuoco che dovrebbe scattare alla mezzanotte tra sabato e domenica.

Le forze governative fanno sapere di aver perduto otto uomini tra ieri e oggi, mentre altri 34 sono rimasti feriti. Resta invece difficile stilare un bilancio dei caduti nelle file dei miliziani. Ma a pagare il prezzo più alto in questo conflitto sembrano essere sempre i civili.

A Donetsk, roccaforte dei ribelli, stando al portavoce del ministero della Difesa dei separatisti locali, nelle ultime 24 ore i bombardamenti dell'artiglieria di Kiev o delle milizie alleate hanno ucciso almeno tre civili.

E a Gorlivka - a nord-est di Donetsk - i filorussi denunciano l'uccisione di almeno altre quattro persone, tra cui un bimbo di un anno e due bimbe di sei e 12 anni. Almeno altri tre civili avrebbero inoltre perso la vita a Lugansk - l'altro baluardo ribelle - in un bombardamento notturno.

E non lontano, nella cittadina di Shastie, almeno altri due civili sono stati uccisi da colpi d'artiglieria - stavolta sparati dai separatisti, sostiene il governatore locale pro-Kiev - che hanno completamente distrutto una caffetteria.

Proprio l'arretramento degli armamenti pesanti a distanza di sicurezza a partire da martedì, in modo da creare una zona cuscinetto ed evitare i bombardamenti sui centri abitati, è tra i 13 punti dei nuovi accordi siglati ieri a Minsk. L'intesa è stata letta come un segnale di speranza, ma è allo stesso tempo accolta con profondo scetticismo da molti esperti.

Sono infatti molte le ombre che restano sullo sfondo del negoziato: dallo status delle regioni ribelli al controllo dei confini russo-ucraini. Inoltre non è chiaro come sarà risolta la questione di Debaltseve, uno snodo ferroviario di grande importanza strategica attorno al quale i ribelli sostengono di aver circondato migliaia di soldati ucraini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS