Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un attacco "chiaramente legato al dossier ucraino" ha colpito la rete informatica del Ministero degli esteri belga. I pirati hanno rubato grazie ad un "malware" documenti e informazioni legati alla crisi ucraina. Anticipata da due quotidiani belgi, la notizia è stata confermata dal ministro degli esteri Didier Reynders. Secondo "Le Soir" "altri paesi europei" hanno avuto lo stesso problema.

"La rete degli affari esteri nel fine settimana scorso è stata vittima di un attacco, chiaramente legato al dossier ucraino", afferma Reynders in un comunicato. Il premier Elio Di Rupo ha chiesto ai servizi di difesa e esteri "un'analisi precisa" per valutare i danni e identificare i pirati.

Secondo il giornale francofono "L'Echo" e quello fiammingo "De Tijd", che stamani hanno anticipato la notizia, l'intrusione è partita dalla Russia. Del caso sono stati informati, oltre a Di Rupo e Reynders, i ministri della difesa Peter De Crem e della giustizia Annemie Tortelboom.

Proprio questa settimana il governo aveva annunciato i dieci milioni di euro promessi per un investimento nella cybersicurezza del paese, dopo che un rapporto di specialisti aveva denunciato "gravi lacune" nella rete.

SDA-ATS