Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Centinaia di membri di organizzazioni di estrema destra stanno protestando a Kiev contro il governo ucraino filo-occidentale salito al potere dopo la rivolta di Maidan.

Tra loro molti esponenti di Pravi Sektor, un gruppo paramilitare (e partito politico) che proprio di Maidan è stato il braccio armato e che adesso è ai ferri corti con le autorità di Kiev.

Oggi alla conferenza nazionale di Pravi Sektor, il leader del gruppo, Dmitro Iarosh, ha avanzato la proposta di un referendum per far cadere il governo del presidente Petro Poroshenko. Il comandante del 13esimo battaglione di Pravi Sektor, Alexiei Bik, ha dichiarato alla tv ucraina Canale 5 che con il referendum proposto dall'organizzazione di estrema destra verrebbe anche chiesto ai cittadini di abolire gli accordi di Minsk sanciti lo scorso febbraio per cercare una soluzione pacifica al conflitto nel sud-est ucraino, di riconoscere che nel Donbass non è in atto un'operazione antiterroristica ma una vera e propria guerra, e di legalizzare i battaglioni di volontari che combattono contro i separatisti (e che spesso sono accusati di atroci violenze).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS