Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È "cruciale" che Vladimir Putin "dimostri con le azioni, non solo con le parole, che è pienamente impegnato per la pace". Lo dice il Segretario di Stato Usa, John Kerry, a conclusione della ministeriale esteri Nato, aggiungendo peraltro di essere "felice" per la proposta alla Duma di ritirare la legge che autorizza gli interventi militari all'estero. "Tutti sappiamo che può essere rifatta in 10 minuti", ha però aggiunto: "La differenza la fa se Putin interviene pubblicamente" per fermare i separatisti.

"La differenza maggiore", ha detto Kerry, "Putin la può fare chiedendo pubblicamente ai separatisti di deporre le armi, di liberare gli edifici pubblici, di permettere ai servizi diplomatici di intervenire, e non permettendo che carri armati e lanciamissili attraversino la frontiera".

"Molte cose possono fare la differenza" ha aggiunto ma, dopo aver ricordato che l'elicottero ucraino ieri "è stato abbattuto con armi russe", ha affermato che "siamo pronti a collaborare con la Russia per mettere in atto i passi concreti" e che "l'Ucraina è pronta a fare altrettanto" come "ha dimostrato il presidente Poroshenko dichiarando il cessate-il-fuoco".

SDA-ATS