Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Non siamo arrivati ad un accordo complessivo sul gas: rifiutiamo il meccanismo dello sconto perché è un meccanismo politico e non di mercato. Ci rivolgeremo all'arbitrato internazionale di Stoccolma". Lo ha annunciato il ministro ucraino dell'energia Yuri Prodan.

In precedenza il leader del Cremlino, Vladimir Putin, aveva dichiarato che il governo ucraino vuole "portare i negoziati verso un vicolo cieco".

Gli ucraini - aveva tuonato Putin - "non si accontentano degli sconti, hanno più pretese, ma non si capisce su quale base". "La Russia - aveva proseguito - va avanti sul negoziato in modo aperto e trasparente. Le nostre proposte sono da partner, o anche di più, dirette a sostenere l'economia ucraina in un periodo piuttosto difficile, ma se le nostre proposte saranno rifiutate passeremo a una fase diversa, ma non sarà una nostra scelta".

SDA-ATS