Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ci saranno presto dei contatti tra il governo di Kiev e i miliziani separatisti del sud-est ucraino. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, citato dall'agenzia Tass. Lavrov ha quindi sottolineato che Mosca farà tutto il possibile per riprendere il processo di pace, che Kiev - sempre secondo il capo della diplomazia russa - tenta di "interrompere" con "l'uso della forza".

La Russia si aspetta che l'Occidente, inclusi gli Stati Uniti, fermino l'uso della forza nel sud-est da parte di Kiev, ha aggiunto Lavrov, a margine di un incontro a Mosca con il capo della diplomazia israeliana Avigdor Lieberman.

Il ministro degli Esteri russo si augura che "il buon senso e gli interessi oggettivi e legittimi nazionali prevarranno" e l'Occidente non imporrà nuove sanzioni contro Mosca dopo l'escalation del conflitto nel sud-est ucraino e la strage di sabato a Mariupol.

"Sappiamo molto bene - ha detto Lavrov - come tali tragedie siano usate cinicamente per distorcere la verità" e per "alimentare l'isteria antirussa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS