Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mosca invita gli osservatori dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ai checkpoint di Donetsk e di Gukovo, al confine russo-ucraino, "senza attendere il cessate il fuoco" e come "dimostrazione di buona volontà": lo rende noto il ministero degli esteri russo aggiungendo che una lettera in questo senso è stata inviata al presidente dell'OSCE, e presidente della Confederazione, Didier Burkhalter.

"Oggi il ministero degli esteri russo, Serghiei Lavrov, ha inviato una lettera in questa direzione al presidente della Confederazione, Didier Burkhalter, che è il presidente di turno dell'OSCE. Contemporaneamente la Russia ha presentato all'OSCE un progetto di decisione del consiglio permanente dell'OSCE sulla localizzazione degli osservatori", riferisce il ministero degli esteri russo, riferendo inoltre di una telefonata tra i due per attuare le nuove misure russe per la "de-escalation", promosse dal presidente russo Vladimir Putin nel suo colloquio ieri con la cancelliera tedesca Angela Merkel in Brasile.

"Speriamo che questo documento sia approvato al più presto. Siamo sicuri che questo passo contribuirà alla creazione di condizioni favorevoli per attuare gli obiettivi, formulati nella dichiarazione di Ginevra del 17 aprile e in quella di Berlino del 2 luglio, di mettere fine alle violenze e avviare un dialogo pan-ucraino inclusivo e trasparente", prosegue il testo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS