Navigation

Ucraina: Mosca riconoscerà il voto dei ribelli del 2 novembre

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2014 - 08:58
(Keystone-ATS)

La Russia riconoscerà i risultati delle elezioni parlamentari e presidenziali convocate per il 2 novembre dai ribelli filorussi nelle zone da loro controllate nelle regioni orientali di Donetsk e Lugansk: lo ha annunciato il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, in una intervista a Izvestia.

"Noi speriamo che le elezioni si terranno come convenuto, e noi riconosceremo senz'altro i loro risultati", ha dichiarato il capo della diplomazia russa. "Speriamo che l'espressione del popolo sarà libera e che nessuno tenterà di minarla dall'esterno", ha proseguito.

A suo avviso le elezioni del 2 novembre "saranno molto importanti per legittimare le autorità" locali. "Noi riteniamo che sia uno degli orientamenti più importanti degli accordi di Minsk" del 5 settembre. Kiev ha convocato le elezioni locali nelle due regioni per il 7 dicembre e ritiene che il voto auto organizzato dai ribelli sia illegittimo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?