Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A Kiev si inizia a dialogare per cercare di risolvere la crisi politica nell'Ucraina dell'est, teatro ormai da un mese di aspri combattimenti tra i separatisti filorussi e le truppe fedeli a Kiev. Sono però piuttosto flebili le speranze di pace che arrivano dalla tavola rotonda di unità nazionale inaugurata questo pomeriggio nella capitale ucraina.

All'incontro hanno infatti partecipato ministri, leader politici, imprenditori e governatori regionali, ma non è stato invitato nessun rappresentante di una delle due parti in lotta, quella dei separatisti filorussi, e questo è per molti osservatori un grave ostacolo all'efficacia delle trattative.

Il vertice di Kiev arriva in un momento molto delicato della storia ucraina. Le presidenziali anticipate fissate per il 25 maggio sono minacciate dalle violenze quotidiane nelle regioni del sud-est e la partecipazione al voto potrebbe essere ulteriormente ridotta dai controversi referendum separatisti di domenica scorsa, che secondo i filorussi che li hanno organizzati avrebbero sancito la sovranità delle "Repubbliche popolari" di Donetsk e Lugansk con un vero e proprio plebiscito.

Ma Kiev non può assolutamente fallire la "missione presidenziali". Il voto del 25 maggio serve infatti anche a legittimare la nuova guida politica del Paese e quindi la rivolta di Maidan che ha fatto cadere il 'regimè di Viktor Ianukovich.

Il mediatore Osce della tavola rotonda, Wolfgang Ischinger, lo sa bene, e per questo oggi ha sottolineato che l'obiettivo primario del tavolo di unità nazionale è garantire che le presidenziali siano "inclusive, oneste e trasparenti".

Ma mentre l'Occidente continua a sostenere le elezioni (che il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier da Parigi ha definito "la cruna dell'ago da cui dobbiamo ad ogni costo passare" per "una evoluzione più democratica" nel Paese), la Russia continua a nutrire dubbi sulla legittimità del voto.

Da Mosca oggi è però arrivata anche una timida apertura: pur dichiarando che i referendum separatisti di Donetsk e Lugansk hanno dato "risultati convincenti" e che la legittimità delle presidenziali ucraine "non è completa", il presidente della Duma russa, Serghiei Narishkin, ha anche affermato che "non svolgere le elezioni sarebbe persino più triste" e che "quindi è necessario scegliere il minore dei due mali".

Da est però continuano ad arrivare soprattutto parole dure contro il governo ucraino, e oggi il ministro degli Esteri di Mosca, Serghiei Lavrov, ha detto senza mezzi termini che l'Ucraina "si avvicina alla guerra civile come mai prima" e ha soprattutto ribadito che "perché il dialogo nazionale abbia successo" devono essere invitati anche i rappresentanti degli insorti pro-Mosca.

Ma il governo ucraino - che oggi ha stimato in qualcosa come 62 miliardi di euro i danni subiti per l'annessione della Crimea alla Russia - la pensa in tutt'altro modo: le autorità di Kiev - ha tuonato il presidente ad interim Oleksandr Turcinov - sono "pronte al dialogo con le regioni" dell'est e anche "a cambiamenti nel sistema di governo" che portino a un maggiore decentramento del potere, "ma non permetteranno" ai separatisti "che impongono la volontà" di Mosca "di terrorizzare e ricattare l'Ucraina".

Ma alla tavola rotonda c'è anche chi la pensa come il Cremlino: Oleksandr Iefremov, il capogruppo del partito delle Regioni del deposto Ianukovich, ha risposto alle parole di Turcinov chiedendo di fermare l'operazione militare in atto a est che ha fatto "dei morti tra i civili pacifici".

L'incontro di oggi si è insomma rivelato un muro contro muro. Un altro tentativo sarà fatto alla prossima seduta del tavolo di dialogo nazionale che secondo il primo presidente ucraino, Leonid Kravchuk, potrebbe essere organizzata sabato prossimo "o al più tardi" lunedì proprio a Donetsk, capoluogo di una delle due regioni "separatiste".

Una soluzione alla sanguinosa crisi ucraina sembra però ancora lontana, e l'economia di Ucraina e Russia ne risente: secondo la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (Bers) quest'anno il Pil di Kiev segnerà una contrazione del 7%, ma la crisi peserà anche su Mosca, "spingendo la Russia in recessione".

SDA-ATS