Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'attivista ritrovata morta

(sda-ats)

Il cadavere di Irina Nozdrovska, 38 anni, popolare attivista per i diritti umani, è stato ritrovato ieri, senza abiti, in un fiume nella regione di Kiev e oggi in Ucraina si attendono manifestazioni per chiedere alle autorità che sia fatta luce sulla sua morte.

Nozdrovska era scomparsa il 29 dicembre, due giorni dopo l'ultima udienza del processo sulla morte della sorella, investita e uccisa nel settembre del 2015 da Dmytro Rossoshansky, nipote del giudice-capo della corte distrettuale di Vyshgorod.

Nozdrovska, di professione avvocato, si è impegnata fin da subito per ottenere un giusto processo e nel corso del procedimento ha ricevuto diverse minacce dai familiari e dagli amici di Rossoshansky. Che è stato condannato a 7 anni di carcere per la morte della sorella di Irina, Svitlana Sapatanyska, ma che - riporta Unian - il 27 dicembre stava attendendo la grazia.

Grazie agli sforzi di Nozdrovska, però, la corte d'appello della regione di Kiev aveva rinviato il caso al tribunale di primo grado e aveva rinnovato lo stato di arresto per 60 giorni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS