Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immigrazione fuori controllo, violenza, criminalità, attacchi terroristici e la pressione dei politici che spingono verso l'adesione all'UE mettono in grave pericolo la Svizzera: è ora di darsi da fare per salvare il Paese.

Così il presidente dell'UDC Toni Brunner ha dato oggi a St. Luzistei (GR) il via ufficiale alla campagna elettorale in vista delle elezioni federali di ottobre.

Davanti a oltre 800 membri dell'Unione democratica di centro, Brunner ha una volta ancora evocato i punti principali su cui il partito intende insistere in vista dell'importante appuntamento autunnale. Nessuna adesione all'Unione europea, un drastico freno all'immigrazione per mantenere la popolazione al di sotto della soglia dei 10 milioni, espulsione dei criminali stranieri, lotta agli abusi nel settore dell'asilo e una riduzione delle imposte.

Tratteggiando un quadro a tinte fosche della situazione attuale, Brunner ha anche accusato gli altri partiti di aver abbandonato la Svizzera. Dopo le elezioni di ottobre cadranno le maschere e tutte le carte saranno sul tavolo: a quel punto per il futuro sarà determinante la nuova composizione del Parlamento.

In un discorso incentrato sui valori della Svizzera nel quale ha mostrato di non aver perso lo smalto di oratore neppure l'ex consigliere federale e stratega dell'UDC Christoph Blocher ha risparmiato strali agli avversari politici: "degli anti-patrioti che in caso di adesione all'UE andrebbero a Bruxelles senza sapere cosa fare".

Il 2015 è un anno fatidico, ha sottolineato Blocher: per la prima volta dal 1848 la Svizzera ha avuto un governo di sinistra. Il paese andrà sempre peggio: se non si seguirà l'UDC il paese finirà per aderire all'UE, un "progetto intellettuale costruito in maniera sbagliata".

A St-Luzisteig - sul passo che divide Svizzera e Liechtenstein, vicino a Maienfeld, dove la figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher, Magdalena Martullo-Blocher, ha presentato la propria candidatura per un seggio al Consiglio Nazionale - il programma prevedeva oggi soprattutto attività d'intrattenimento, tra cui pure una rappresentazione teatrale di Heidi di Johanna Spyri.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS