Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Unione democratica federale (UDF) suggerisce di bocciare la Strategia energetica 2050, in votazione popolare il prossimo 21 maggio. I delegati del partito, riuniti oggi a Regensdorf (ZH), hanno respinto il testo con 51 voti a 18 e 8 astensioni.

Secondo la maggioranza, oltre a generare importanti costi aggiuntivi per famiglie e PMI, il progetto non segue la strada giusta per abbandonare la dipendenza energetica dall'estero e indebolisce il settore idroelettrico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS