Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ue: agricoltura, Bruxelles taglia 1,2 mld

Tempo di conti per la Commissione europea, che non riconosce a 14 Stati membri 1,2 miliardi di finanziamento dell'attività agricola, per carenze di gestione in diversi settori. Dall'insufficienza dei controlli ai ritardi sui pagamenti ai produttori del mondo agricolo, la maglia nera della cattiva gestione tocca alla Francia, che non ha diritto a oltre 983 milioni di euro. L'impatto finanziario per l'Italia è di oltre 97 milioni di euro.

La decisione, pubblicata oggi nella Gazzetta ufficiale dell'Ue, riguarda l'operazione di liquidazione dei conti che la Commissione europea effettua periodicamente con gli Stati membri per verificare se hanno rispettato le normative europee. Le operazioni interessano diversi esercizi finanziari, dal 2007 al 2012.

Nel mirino di Bruxelles, oltre a Italia e Francia, anche Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Estonia, Spagna, Lituania, Ungheria, Olanda, Austria, Romania, Gran Bretagna.

Nel caso dell'Italia i controlli europei riguardano le verifiche insufficienti nel settore ortofrutticolo, in particolare le carenze nel sistema di controllo nel regime di trasformazione degli agrumi e le misure di promozione per l'agroalimentare.

Altre riduzioni sono effettuate a causa di insufficienti controlli o del pagamento tardivo degli aiuti ai produttori, o ancora della proroga non autorizzata del programma di promozione di prodotti lattiero-caseari nelle scuole. Altri finanziamenti parzialmente non riconosciuti all'Italia interessano la ristrutturazione del settore dello zucchero e prelievi sul latte.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.