Navigation

UE: parlamento vara nuova normativa su etichette alimentari

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2011 - 15:02
(Keystone-ATS)

Via libera definitivo del Parlamento europeo alla nuova etichetta alimentare. Il compromesso - giunto dopo otto anni dalla prima proposta della Commissione Ue - è stato raggiunto dopo un duro confronto a livello europeo dove tutte le istituzioni Ue hanno dovuto fare un passo indietro.

La nuova normativa sull'informazione alimentare rappresenta comunque un importante progresso, in quanto aiuterà i consumatori europei a fare delle scelte più informate e più sane per la loro alimentazione, grazie a un'etichetta più leggibile, più precisa e facile da comprendere, dove vengono messe al bando le forme di espressione e di presentazione dei prodotti che rischiano di indurli in errore.

Tra i punti salienti, c'è l'estensione dell'obbligo di indicare il paese d'origine dalla fettina di carne di manzo a quella di suino e anche agnello e pollame, ma non il coniglio. Inoltre, il consumatore potrà trovare sull'etichetta i valori energetici e nutrizionali degli alimenti che acquista, ma anche l'indicazione di allergeni per chi soffre di intolleranze alimentari, fino alla messa in guardia se il pesce o il pollo che acquistano sono stati addizionati con acqua.

Dopo l'imprimatur formale del Consiglio Ue, gli Stati membri avranno tre anni per mettere in atto le nuove regole che dovrebbero diventare operative a fine 2014.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?