Navigation

UE-17: debito pubblico all'88,2% nel primo trimestre

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2012 - 12:03
(Keystone-ATS)

Continua a salire il debito pubblico nell'eurozona. Secondo i dati diffusi da Eurostat, nel primo trimestre ha raggiunto l'88,2% del Pil, contro l'87,3% di fine 2011. Nell'Ue a 27 è passato dall'82,5 all'83,4%.

I livelli più elevati si sono confermati in Grecia (132,4%) - dove però è diminuito di 20 punti a causa principalmente dello scambio di titoli da parte dei creditori privati coinvolti nel salvataggio internazionale di Atene -, Italia (123,3%) - in crescita di 3,2 punti -, Portogallo (111,7%) e Irlanda (108,5%).

In Spagna il debito pubblico è salito al 72,1%, in aumento rispetto al 68,5% registrato nel trimestre precedente. Il rapporto debito pubblico/pil è destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi mesi, a seguito del prestito Ue fino a 100 miliardi di euro per la ricapitalizzazione delle banche, che andrà ad incidere sui conti pubblici, almeno fino a quando non sarà permesso all'Esm, il meccanismo europeo di stabilità, di versare direttamente i fondi agli istituti in difficoltà.

Il rapporto più basso risulta invece in Estonia (6,6%), Bulgaria (16,7%) e Lussemburgo (20,9%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?