Navigation

Ue apre procedura infrazione Polonia per stato diritto

La Polonia è accusata di aver violato lo stato di diritto KEYSTONE/EPA/STEPHANIE LECOCQ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2020 - 13:35
(Keystone-ATS)

Bruxelles ha lanciato una procedura d'infrazione contro la Polonia per la "legge approvata il 14 febbraio che apporta modifiche al funzionamento del sistema giudiziario, col serio rischio di un controllo politico del sistema".

Lo annuncia la vicepresidente dell'Esecutivo Ue, Vera Jurova.

"Il virus non può uccidere la democrazia", ha affermato Jurova, invitando Varsavia ad "affrontare le preoccupazioni" sullo stato di diritto della Commissione Ue. La Polonia ha due mesi per rispondere.

"Gli Stati membri possono riformare il loro sistema giudiziario, ma lo devono fare senza violare i trattati dell'Ue", aggiunge Jurova.

La vicepresidente ha inoltre spiegato che sta "monitorando la situazione con attenzione in tutti gli stati membri", ed in particolare in Ungheria. "Sono 20 quelli che hanno adottato lo stato d'emergenza per affrontare la crisi - spiega -. Riconosciamo che una situazione eccezionale richiede soluzioni eccezionali, ma questo non significa che la costituzione ed il Parlamento debbano essere spenti ed i giornalisti silenziati".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.