Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La sicurezza degli aeroporti in Belgio presentava sin dal 2011 "gravi carenze", tra cui "personale non addestrato" e controlli "inadeguati".

È quanto emerge da due rapporti riservati su ispezioni compiute sui sei scali belgi ed inviati dalla Direzione Generale Trasporti della Commissione europea al governo belga.

I rapporti sono stati pubblicati sul sito della tv pubblica Rtbf. Il primo è del 26 luglio 2011, il secondo del 28 aprile 2015.

Tra i rilievi dell'ultima, anche il fatto che nell'aeroporto di Bruxelles-Zaventem (il principale hub internazionale del paese, colpito dai kamikaze il 22 marzo) nel corso del 2013 sono state compiute solo 7 fra test e ispezioni, calate ad appena 4 ispezioni in tutto il 2014.

In quell'anno, è scritto nel rapporto degli ispettori Ue, a Zaventem "non sono stati ispezionati i programmi per il controllo dei veicoli, la sorveglianza, il pattugliamento ed altri controlli fisici, la protezione dei passeggeri, e lo screening, protezione e riconsegna dei bagagli".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS