Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Era il 1. luglio 2002

KEYSTONE/AP/WINFRIED ROTHERMEL

(sda-ats)

Il 1. luglio di 15 anni fa, poco prima della mezzanotte, due aerei si scontrarono nei cieli sopra Überlingen, sulla sponda tedesca del lago di Costanza, con un bilancio di 71 morti. La sciagura avvenne in territorio tedesco, ma sotto il controllo dei radar svizzeri.

Nell'incidente perirono tutte le 69 persone a bordo di un Tupolev della Bashkirian Airline, fra cui 49 bambini della Repubblica autonoma russa dell'Ossezia del Nord che avevano vinto un viaggio premio in Spagna e i due membri dell'equipaggio che si trovavano su un Boeing cargo della DHL.

Il controllore di Skyguide in servizio quella sera si accorse troppo tardi che i due velivoli si trovavano in rotta di collisione. L'uomo radar ordinò al Tupolev di perdere quota, senza sapere che il sistema automatico d'allarme di bordo, di cui disponevano entrambi gli aerei, aveva ordinato al Tupolev di salire e al Boeing di scendere.

Dopo lo scontro, avvenuto a 11'500 metri d'altezza, i rottami dei due velivoli precipitarono a terra a meno di un chilometro di distanza dal centro di Überlingen. Alcuni pezzi in fiamme rasentarono delle abitazioni, ma quasi per miracolo a terra nessuno rimase ferito.

Nel febbraio 2004 Vitali Kaloiev, un uomo dell'Ossezia che nell'incidente perse la moglie e due figli, venne in Svizzera e uccise a coltellate davanti all'uscio di casa il controllore di Skyguide, un cittadino danese.

Kaloiev fu condannato un anno più tardi dal Tribunale cantonale zurighese a otto anni di reclusione per omicidio intenzionale, ma su richiesta della Corte di cassazione nel 2007 lo stesso tribunale ridusse la pena a cinque anni e tre mesi. Nello stesso anno, dopo aver scontato i due terzi della pena, Kaloiev fu scarcerato. E al suo rientro in patria fu accolto come un eroe.

Sempre nel 2007, il Tribunale distrettuale di Bülach (ZH) condannò tre dirigenti di Skyguide a 12 mesi di prigione con la condizionale per omicidio colposo plurimo. Un quarto imputato fu condannato ad una pena pecuniaria, mentre altri quattro dipendenti della società furono assolti.

Il tribunale giunse alla conclusione che i responsabili del centro di controllo aereo erano venuti meno ai loro doveri di vigilanza. Per i giudici la prassi in vigore da anni a Zurigo di lasciare di notte un solo controllore davanti ai radar non era accettabile. In Ossezia la sentenza venne considerata ridicolmente lieve.

La vicenda dell'uomo che ha ucciso il controllore di volo ha ispirato anche un film uscito lo scorso mese di aprile nella sale americane. Intitolata "Aftermath", la pellicola è diretta da Elliot Lester ed ha come protagonisti Arnold Schwarzenegger (nel ruolo del padre e marito che vendica i famigliari) e Scoot Mc Nairy (l'uomo radar ucciso). Ancora non si sa se il film sarà proiettato anche in Svizzera.

SDA-ATS