Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KAMPALA - Due o più ordigni sono esplosi ieri sera in due locali della capitale ugandese Kampala affollati di appassionati di calcio che stavano seguendo la finale dei Mondiali del Sudafrica: il bilancio fornito dalla polizia è per ora di 74 morti.
Un'esplosione è avvenuta nel ristorante Ethiopian Village, nel quartiere meridionale di Kabalagala, uno dei centri della vita notturna della capitale, l'altra al Rugby Club, in un quartiere orientale della citta'.
Il capo della polizia Kale Kayihura ha affermato che "queste bombe volevano sicuramente colpire le folle che assistevano ai Mondiali".
Un giornalista del quotidiano ugandese The New Vision era al Rugby Club per seguire Olanda-Spagna quando, poco dopo le 23 locali l'ordigno è deflagrato. Le foto scattate mostrano una scena di devastazione, con sedie rovesciate, sangue e indumenti sparsi dappertutto nel locale, mentre agenti della sicurezza e soccorritori evacuano i feriti.
Ancora non è emersa nessuna indicazione sugli autori dell'attacco: l'anno scorso gli Shabaab, un gruppo integralista somalo, aveva minacciato di attaccare Kampala. L'Uganda ha inviato truppe in Somalia nel quadro di una forza di peacekeeping dell'Unione Africana.
Kayihura ha anche menzionato i ribelli ugandesi dell' Esercito di resistenza del Signore (Lra), che per oltre 20 anni hanno insanguinato il nord dell'Uganda: lo scorso maggio il governo di Kampala aveva ipotizzato che il gruppo si stesse ricostituendo lungo il confine occidentale con la Repubblica Democratica del Congo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS