Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il farmaco in genere usato in Svizzera per il suicidio assistito

Keystone/ALESSANDRO DELLA BELLA

(sda-ats)

Dopo il clamore della storia di Dj Fabo ora un altro italiano è arrivato in Svizzera per ottenere il suicidio assistito. È malato di sclerosi multipla, Davide, toscano di 53 anni.

Accanto a lui c'è solo Mina Welby, co-presidente dell'associazione Luca Coscioni, la moglie di Piergiorgio, che nel dicembre del 2006, poco più di 10 anni fa, combatté per ottenere il diritto a morire del compagno.

Lei e Marco Cappato, come già per Dj Fabo, hanno fornito assistenza a Davide tramite l'azione dell'associazione Soccorso Civile e il sito Sos Eutanasia.it. Mina Welby attraverso un videomessaggio si dice contenta della scelta di aiutare l'uomo. ''Non ce la fa più'' dice.

Davide ha 53 anni e vive in Toscana, ha deciso di morire perché non vuole più vivere "con il dolore addosso tutto il giorno'' e perché ritiene che la sua ''non sia più una vita da vivere ma una condanna da scontare''. A fine 2016 ha preso la decisione di ricorrere al suicidio assistito , che lui definisce "una liberazione, un sogno, una vacanza".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS