Navigation

Un cippo che segna confine fra Zugo e Zurigo torna al suo posto

Il cippo di 400 anni ritornato sul confine fra i cantoni di Zugo e Zurigo. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2019 - 12:54
(Keystone-ATS)

Dopo decenni passati su un terreno privato, un cippo di confine vecchio di quasi 400 anni è ritornato a svolgere la sua funzione originale. La pietra in granito è stata riportata sul confine fra i cantoni di Zugo e Zurigo.

L'ufficio del catasto del canton Zugo ha reso noto oggi che il cippo, alto quasi 150 centimetri, è stata posato ieri al lato della strada che collega Kappel am Albis (ZH) a Notikon (ZG).

Secondo Thomas Specker, funzionario incaricato dal cantone di Zurigo di inventariare le pietre di confine, il cippo dovrebbe risalire al 1629, anche se l'incastonatura riporta l'anno 1881. La pietra è tuttora considerata un segno ufficiale di confine e come tale è proprietà dei due cantoni. Il blocco in granito era finito decenni fa sul terreno di un contadino di Baar, probabilmente a causa dei lavori di ampliamento della strada cantonale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.