Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Una persona è morta e un'altra è tuttora dispersa a causa dei violenti temporali che si sono abbattuti ieri sera a nord delle Alpi. Nell'Oberland bernese un giovane che si trovava all'aperto per una grigliata è deceduto a causa di un fulmine, mentre sul lago di Costanza un uomo è caduto dalla sua barca e non è più stato ritrovato.
La vittima bernese aveva 20 anni e si trovava in compagnia di tre amici in un alpeggio sopra Hofstetten bei Brienz. All'arrivo dei forti piovaschi uno dei quattro si è rifugiato in auto, mentre le altre tre persone si sono riparate sotto un abete. L'albero è stato centrato da un fulmine: il 20enne è morto sul colpo, le due ragazze che erano con lui sono state scaraventate a diversi metri di distanza, ma sono rimaste illese. Sono comunque state ricoverate in ospedale per accertamenti.
Tragedia anche sul Lago di Costanza: un 49enne in gita in barca che, con la sua compagna, stava tornando al porto di Staad (SG) è finito fuori bordo nel tentativo di recuperare una stuoia caduta in acqua a causa dei violenti venti che impazzavano nella regione. Le ricerche condotte ieri per quattro ore da numerosi motoscafi non hanno avuto esito.
Nei cantoni di Berna, Svitto, San Gallo e Turgovia i pompieri e la polizia si sono dovuti impegnare in innumerevoli interventi: un po' dappertutto si segnalano cantine allagate, alberi sradicati, ruscelli fuori dagli argini, frane, colate di fango e strade interrotte.
Stando a SF Meteo i temporali la notte scorsa sono stati accompagnati da raffiche di vento che hanno raggiunto i 90 chilometri orari. A Berna sono caduti 20 litri di pioggia al metro quadrato in pochi minuti. Meteonews ha da parte sua contato oltre 5000 fulmini sull'insieme del paese. In alcune zone dell'Altopiano è caduta anche della grandine.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS