Navigation

Ungheria: parlamento revoca stato d'emergenza

I critici accusavano il premier Viktor Orban (nella foto) di usare il pretesto di combattere la pandemia per ottenere più potere e minare la democrazia in Ungheria. Keystone/EPA MTI/SZILARD KOSZTICSAK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2020 - 15:00
(Keystone-ATS)

Dopo due mesi e mezzo il parlamento ungherese ha abrogato oggi la controversa legge d'emergenza per l'epidemia di coronavirus che aveva dato al primo ministro conservatore Viktor Orban ampi poteri di governo.

Tutti i 192 membri del parlamento presenti a Budapest hanno votato all'unanimità per abrogare la legge, che era stata fortemente criticata dall'opposizione in Ungheria e dai suoi partner europei. Si prevede che il governo porrà formalmente fine all'emergenza nel corso della settimana.

Tuttavia, i parlamentari hanno anche approvato un disegno di legge che, secondo i critici, permetterebbe al governo di decretare un'altra cosiddetta "emergenza medica". In questo modo in futuro Orban potrebbe governare nuovamente per decreto, eventualmente a tempo indefinito.

La legge d'emergenza era stata approvata dal parlamento il 30 marzo. Da allora il premier, il premier ha potuto governare per decreto ed estendere a piacimento lo stato di emergenza dovuto all'epidemia senza il consenso del Parlamento.

Mentre il governo sosteneva che tali poteri erano necessari per combattere efficacemente la pandemia, i critici accusavano Orban di usare il pretesto di combattere la pandemia per ottenere più potere e minare la democrazia in Ungheria. In aprile il Parlamento europeo ha definito le misure di Budapest "incompatibili con i valori europei". Alcuni degli oltre cento decreti emessi hanno limitato i poteri dei comuni guidati dall'opposizione e le loro risorse finanziarie.

Orban è stato criticato per anni per aver limitato i diritti civili, l'indipendenza del potere giudiziario e la libertà dei media e d'opinione.

L'Ungheria è stata meno colpita dall'epidemia di Covid-19 rispetto ad altri paesi europei. Le autorità hanno segnalato oltre 4'000 casi di contagio, mentre 565 persone sono morte.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.