Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Unia prosegue la sua battaglia contro i negozi aperti 24 ore su 24. In una conferenza stampa a Berna, il sindacato attacca oggi in particolare un'iniziativa del consigliere nazionale Christian Lüscher (PLR/GE), che chiede di sopprimere ogni limitazione al lavoro notturno per le attività nelle stazioni di servizio.
Per Vania Alleva, membro del Comitato direttivo dell'Unia, l'iniziativa - che sarà valutata prossimamente dal Nazionale - non è altro che "un cavallo di Troia volto a estendere massicciamente gli orari dei negozi".
"Si tratta di un attacco inaccettabile contro una libertà essenziale, quella di non dover essere disponibili 24 ore su 24", ha aggiunto, accusando i datori di lavoro e i loro legami politici di esercitare sempre più pressione per prolungare gli orari degli esercizi commerciali.
Il consigliere nazionale André Daguet (PS/BE) ha rincarato la dose: "un numero crescente di eccezioni - una domenica, una notte, alla stazione, nelle aree di servizio o nelle zone turistiche - fanno in modo che le eccezioni si trasformino lentamente in regole".
Il Tribunale federale ha vietato recentemente ai negozi delle stazioni di servizio zurighesi di rimanere aperti fra la 1:00 e le 5:00 di notte, specificando che i prodotti in vendita non giustificavano un'eccezione al divieto di lavoro notturno. Nel Canton Ginevra un referendum ha inoltre impedito un'estensione degli orari lavorativi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS