Navigation

Uruguay: arrestati 2 infermieri accusati morte decine pazienti

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2012 - 21:56
(Keystone-ATS)

Orrore in Uruguay. La giustizia di Montevideo ha arrestato due infermieri che hanno ammesso di essere responsabili di decine di morti tra i pazienti di due diverse strutture sanitarie della città negli ultimi due anni.

Nell'ambito di un'indagine avviata tempo fa e chiamata dagli investigatori "Operazione angeli", la polizia ha reso noto che due persone sono state arrestate: un uomo di 49 anni e l'altro di 36.

Nella maggior parte dei casi le vittime non erano pazienti terminali, aggiungono le fonti. I due accusati hanno ammesso di avere agito per "ragioni umanitarie", mentre la procura ritiene che i due infermieri hanno ucciso i pazienti "perché richiedevano troppe attenzioni".

Il giudice di Montevideo Rolando Vomero ha già interrogato i due infermieri, precisando che "solo uno di loro ha ammesso di aver provocato la morte di quasi 50 persone, mentre l'altro ha affermato di non sapere con precisione" a quante persone abbia tolto la vita.

"I casi di assassini seriali di questo tipo sono rari: ancora più inusuale però è che ci siano due persone con simili caratteristiche che agiscano nella stessa città in sintonia, senza però conoscersi tra loro", ha commentato al quotidiano locale "El País" uno degli investigatori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?