Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Com'era ovvio, la Casa Bianca ha respinto l'incredibile richiesta di espellere dagli Stati Uniti Piers Morgan, il volto di punta della Cnn, nato in Inghilterra ma residente negli States da anni, ormai da settimane, anche prima della strage di Newtown, in prima linea nella battaglia contro la diffusione delle armi.

Stanco dei continui scontri in diretta tv tra Morgan e tanti sostenitori della Nra, la potente lobby dei fucili, il conduttore radiofonico ultra-conservatore Alex Jones ha lanciato una raccolta di firme in calce a una petizione da presentare alla Casa Bianca per chiedere appunto l'espulsione del giornalista dal territorio americano, con l'accusa di attaccare il secondo emendamento della Costituzione, quello che prevede il diritto di detenere un arma. Oltre 100mila americani hanno firmato questa richiesta a dir poco stravagante, se non fosse gravemente ingiusta nei confronti di un cronista. La legge americana prevede che se una petizione al presidente raccoglie più di 25mila firme, allora la Casa Bianca è chiamata a dover dare una risposta.

"Nessuno - ha spiegato Jay Carney, il portavoce di Obama - può essere perseguito per il solo fatto di esprimere un'opinione su un emendamento della Costituzione, o su qualsiasi tema che coinvolge l'interesse del pubblico".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS