Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Cia ha ammesso che i presunti Ufo avvistati tra gli anni '50-'60 erano frutto di test segreti dell'intelligence.

In un documento svelato dalla stessa agenzia risulta che gli avvistamenti si riferivano ai test compiuti degli aerei spia U-2. Nell'account ufficiale su twitter, la Cia scrive: "Le notizie sull'attività inusuale nei cieli negli anni Cinquanta? Siamo stati noi". L'aereo testato dalla Cia era in grado di volare a 70 mila piedi, un'altitudine che all'epoca sembrava impossibile all'uomo poter raggiungere, facendo sospettare, specialmente ai piloti, che qualcosa di strano stesse accadendo nei cieli.

"In quegli anni, la maggior parte degli aerei commerciali volava a 20 mila piedi e quelli militari a 40 mila", si legge nel documento pubblicato con tanto di link. "Di conseguenza, una volta che gli U-2 iniziarono a volare sopra i 60 mila piedi, i controllori del traffico aereo iniziarono a ricevere testimonianze dell'avvistamento di Ufo". La Cia, in realtà, fece un controllo incrociato con le segnalazioni e i suoi registri di volo, ma quando capì che si trattava degli aerei spia U-2 mantenne il silenzio, sottolinea il documento. Il rapporto fa parte dei documenti declassificati nel 2013 che rivelarono l'esistenza della famosa Area 51 nel Nevada, la base top-secret militare dove venivano fatti vari test.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS