Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Piccolo incidente per lo staff di Hillary Clinton. La direttrice della comunicazione della sua campagna elettorale, Jennifer Palmieri, e altre collaboratrici sono rimaste chiuse in bagno per circa mezz'ora nel quartier generale della Clinton a Brooklyn Heights.

Secondo quanto scrive il New York Post, sembra che le signore invece di usare il telefono abbiano chiesto aiuto via Twitter ed è a quel punto che i commenti ironici hanno cominciato a fare il giro della rete. "Intrappolate nel bagno delle donne a Brooklyn Hq - ha twittato Palmieri - qualcuno è in grado di sbloccare la porta con una carta di credito?".

Ad accompagnare la richiesta d'aiuto una foto in cui il gruppo di malcapitate si ritrae di fronte al lavandino con alle spalle un cartello: 'Keep calm and wash your hands' (stai calmo e lavati le mani). "Il posto giusto per condurre la campagna di Hillary. Il bagno" - ha replicato un utente. "Ho sentito Donald Trump dire: I fabbri mi amano - ha scritto David Halperin, ex speechwriter di Bill Clinton. Qualcuno invece ne ha approfittato per ironizzare sull'emailgate e ha scritto: "C'era un server li?".

Dopo 25 minuti, l'inconveniente si è risolto e le signore sono state tirate fuori. "Libere - ha twittato ancora la Palmieri - non si ripeterà più".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS