Navigation

Usa: dietrofront Biden, apre ai super Pac

L'ex vicepresidente Joe Biden cambia idea suio Superpac (foto d'archivio) KEYSTONE/AP The Hawk Eye/JON LOVRETTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2019 - 07:12
(Keystone-ATS)

L'ex vicepresidente Joe Biden, frontrunner democratico nella corsa alla Casa Bianca, fa marcia indietro e toglie il veto ai superpac, i comitati elettorali attraverso cui ricchi donatori possono spendere somme illimitate di denaro per sostenere un candidato.

La mossa è un implicito riconoscimento della sua debolezza finanziaria, come confermano i dati della raccolta fondi del terzo trimestre, con soli 9 milioni di dollari, ben lontano da Bernie Sanders, Elizabeth Warren e anche dal sindaco di South Bend Pete Buttigieg.

In precedenza Biden si era detto contrario a ricevere sostegno dai superpac, come Sanders e la Warren. La sua portavoce Kate Bedingfield ha spiegato il cambio di rotta con la necessità di fronteggiare le massicce somme di denaro investite dal presidente statunitense in carica Donald Trump e dai repubblicani per attaccare le primarie democratiche e impedire che Biden ottenga la nomination.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.