Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ottime notizie per l'economia Usa: il pil del secondo trimestre è stato infatti rivisto al rialzo, mettendo a segno un +3,7%, contro una prima stima del 2,3%. Lo rende noto il Dipartimento al commercio americano.

Il dato che indica da aprile a giugno una crescita dell'economia Usa del 3,7% è decisamente superiore alle già rosee attese che stimavano un rialzo del 3,3%. E niente a che vedere con la performance del primo trimestre di uno striminzito +0,6%.

A trainare il pil Usa soprattutto una netta accelerazione della spesa per i consumi da parte delle famiglie, favorite da una migliore situazione dell'occupazione e dal calo del prezzo del petrolio.

Ma a incidere sull'ottimo risultato del secondo trimestre è anche un deciso aumento degli investimenti da parte delle imprese, segno che gli imprenditori hanno fiducia in una ulteriore espansione dell'economia Usa, nonostante le turbolenze sui mercati finanziari a livello internazionale.

Ora gli occhi sono sulle decisioni della Fed che entro l'anno dovrebbe rialzare i tassi per la prima volta dal 2006: il dilemma è se farsi dettare tale decisione dal buon andamento dell'economia oppure dai timori legati all'attuale instabilità dei mercati finanziari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS