Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Clamoroso aumento negli Usa dei test genetici per il cancro del seno tra le donne più giovani.

Il 95% delle pazienti al di sotto dei 40 anni di età si è sottoposto negli ultimi anni alle analisi per le mutazioni ai geni BRCA1 e BRCA2, legate ad un'impennata dei rischi della neoplasia maligna.

E soprattutto, le stesse analisi fatte da Angelina Jolie, l'attrice salita alla ribalta delle cronache con la sua doppia mastectomia preventiva una volta scoperto di essere portatrice della pericolosa mutazione al Dna. A rivelare la crescita del ricorso ai test - aumentato ogni anno dal 2006 - è un'indagine del Dana-Faber Cancer Institute di Boston, guidata da Ann Partridge.

Lo studio ha preso in esame complessivamente quasi 900 donne sotto i quaranta anni con una diagnosi di cancro della mammella e curate in 11 diverse cliniche Usa: globalmente,per la durata dello studio, l'87% delle pazienti si è sottoposto a test genetico. Ma nel 2013 questa percentuale ha raggiunto il 95,3% delle donne .

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS