Navigation

USA: Forbes, con tecnologia cresce numero nuovi miliardari

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2012 - 12:28
(Keystone-ATS)

Con l'avvento della società tecnologica, cresce il numero dei nuovi miliardari. Quasi la metà dei maggiori patrimoni mondiali è ancora gestita da "famiglie", soprattutto nei mercati maturi. è quanto emerge da uno studio condotto da Forbes Insight e Société Générale su un campione di 1253 patrimoni in 12 paesi.

Ma il settore tecnologico sta cambiando le regole in termini di coinvolgimento familiare e gestione delle ricchezze perché è l'unico in cui i miliardari hanno accumulato da soli grandi patrimoni, e sono soprattutto giovani.

"Le famiglie sono coinvolte nella gestione del 42% patrimoni esaminati mentre il restante 58% è gestito da individui. Il coinvolgimento delle famiglie varia per regione e industria. Nei mercati maturi i patrimoni gestiti con il coinvolgimento di famiglie e che sono stati ereditati è maggiore che nei mercati emergenti" si legge nello studio, che mette in evidenza come il 46% dei patrimoni sui mercati maturi è gestito con il coinvolgimento familiare a fronte del 39% nei mercati emergenti.

La percentuale più alta di patrimoni gestiti da dinastie è a Hong Kong con il 75%, seguita da India con il 73%, Francia con il 64% e Medio oriente con il 62%. La percentuale più bassa è in Russia (19%), Regno Unito (25%) e Cina (33%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?