Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un gestore patrimoniale svizzero si è dichiarato ieri colpevole di complicità in evasione fiscale davanti a un tribunale di New York: stando all'atto d'accusa a partire dal 1998 il 53enne ha aiutato facoltosi clienti americani ad aggirare le normative tributarie.

Questo attraverso conti offshore di cinque istituti elvetici, fra cui la banca sangallese Wegelin, e società di comodo con sede in Liechtenstein.

L'uomo ha lavorato fino al 2006 come consulente alla clientela per una banca basata a Zurigo, poi per una società attiva nella gestione patrimoniale, riferisce la Reuters. Il nome dei due datori di lavoro non figura nei documenti sottoposti alla corte di Manhattan e non è emerso dalle prese di posizione della procura e della difesa.

Davanti al giudice competente l'avvocato del 53enne ha chiesto di cambiare la posizione del suo assistito da "non colpevole" a "colpevole". L'accusato rischia una pena di cinque anni di carcere. La sentenza è attesa per il primo luglio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS