Navigation

USA: già 108 istituti credito falliti nel 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2010 - 13:37
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Sono arrivati a quota 108 gli istituti di credito falliti nel 2010 negli Stati Uniti. Secondo quanto rileva l'agenzia Blooomberg infatti tre banche sono state chiuse ieri dalle autorità di controllo mentre due in Florida (uno degli stati più colpiti) sono state assorbite dall'istituto di credito dell'Arkansas Home Bancshares.
Sono tutti istituti di medie e piccole dimensioni, comparto particolarmente colpito dalla crisi e che, secondo uno "stress test" condotto ieri dall'FMI, rimane il settore più a rischio del sistema finanziario americano.
I cinque fallimenti costeranno 334,7 milioni di dollari alla FDIC, la società federale di assicurazioni che a fine marzo aveva nei propri registri iscritto interventi in 775 banche con attivi per 431 miliardi di dollari.
La presidente della FDIC, Sheila Bair, stima che i fallimenti nel 2010 supereranno quota 140 quasi tutti di piccole e medie dimensioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.