Navigation

Usa: Hwr chiede inchiesta su Bush per crimini di guerra

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2011 - 07:04
(Keystone-ATS)

L'organizzazione internazionale Human Rights Watch ha chiesto oggi all'amministrazione Obama di aprire un'inchiesta per crimini di guerra nei confronti dell'ex presidente americano, George W. Bush. Secondo HWR, Bush è responsabile di aver autorizzato l'intelligence americana a fare ricorso alla tortura pur di ottenere informazioni da utilizzare nella lotta contro il terrorismo.

"Vi sono solide ragioni per aprire un'inchiesta su Bush, su Cheney, Rmsfeld e Tenet per aver autorizzato la tortura e crimini di guerra", ha dichiarato a Washington il direttore esecutivo di Human Rights Watch, Kenneth Roth, riferendosi all' ex vicepresidente, Dick Cheney, all'ex capo del Pentagono, Donald Rumsfeld e all'ex direttore della Cia, George Tenet.

In un rapporto presentato ieri, Cheney viene presentato come il principale "istigatore" di comportamenti da parte dell'intelligence Usa ritenuti illegali, come alcuni metodi di interrogatorio e di detenzione. Nel rapporto, Hrw critica il presidente Obama per avere trattato il problema della tortura "più come una politica sbagliata che come un crimine".

"La sua decisione di porre fine a metodi di interrogatorio assimilabili ad abusi resterà facilmente modificabile se non verrà nuovamente imposta un bando della tortura legalmente vincolante", afferma l'organizzazione per la difesa dei diritti umani. Se il governo degli Stati Uniti non metterà in moto una credibile indagine penale, dovrebbero essere altri paesi a farsi carico di avviare un procedimento giudiziario contro quei dirigenti americani responsabili di abusi ai danni dei presunti terroristi che sono stati detenuti dalle autorità statunitensi.

"Gli Usa hanno l'obbligo legale di far luce su questi crimini, se non lo faranno altri paesi dovrebbero procedere", ha detto il direttore esecutivo di Hrw, Kenneth Roth.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?