Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche il laboratorio federale di Spiez (BE) sarebbe stato tra gli obiettivi delle spie russe.

Keystone/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Il Dipartimento di giustizia degli Usa ha incriminato sette appartenenti all'intelligence militare russa (Gru) per una serie di ciberattacchi contro obiettivi negli USA e in Europa, Svizzera compresa.

Gli attacchi erano diretti contro agenzie antidoping ed altre organizzazioni, una società energetica nucleare basata in Pennsylvania e una organizzazione internazionale che stava indagando sulle armi chimiche in Siria e sull'avvelenamento in Gran Bretagna dell'ex agente del Gru Serghiei Skripal, è stato indicato.

Fra gli obiettivi di quattro degli agenti segreti ci sarebbe stato anche il laboratorio federale di Spiez, nel canton Berna, dove era stato analizzato l'agente nervino utilizzato sull'ex 007 sovietico doppiogiochista Serghiei Skripal e sulla figlia.

Nel mirino degli attacchi vi erano in particolare le agenzie antidoping - in particolare l'Agenzia mondiale antidoping (AMA) con sede a Losanna - e quanti avevano sostenuto pubblicamente il bando degli atleti russi alle competizioni internazionali e/o avevano condannato il programma del doping di Stato.

Tra le vittime degli hackeraggi 250 atleti di 30 Paesi, ha riferito in una conferenza stampa John Demers, assistant attorney general per la divisione sicurezza nazionale del ministero della giustizia.

Tre delle sette spie russe coinvolte erano già state incriminate in un altro filone d'indagine dal procuratore del Russiagate Robert Mueller.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS